Lotta allo spreco alimentare: adesione al progetto “Life Food Waste stand Up”

In questi giorni abbiamo protocollato una mozione per sollecitare l’amministrazione alla lotta contro lo spreco alimentare. Più volte, in effetti, abbiamo chiesto all’amministrazione di attuare una politica seria per ridurre lo spreco di cibo, soprattutto nelle scuole, ma le tante parole sono state seguite da pochi fatti.  Del resto  in Italia, secondo i dati del Politecnico di Milano, ogni anno vengono prodotte circa 5,6 milioni di tonnellate di eccedenze alimentari e di queste, solo una minima parte è recuperata attraverso donazioni alle persone bisognose, mentre il resto diventa spreco. Anche in Toscana, secondo elaborazioni di Federdistribuzione, si stima che lo spreco alimentare sia pari a circa 388.000 tonnellate, per il 45% attribuite alle famiglie e la restante parte agli operatori economici. Però a livello regionale qualcosa si sta muovendo visto che recentemente è stato siglato in Regione – un protocollo d’intesa per favorire la donazione delle eccedenze alimentari e contemporaneamente ridurre la quantità di rifiuti. Regione e Anci Toscana hanno firmato tale protocollo con i partecipanti al progetto co-finanziato dall’Ue LIFE-Food.Waste.StandUp, ovvero Federalimentare (capofila),Federdistribuzione, Fondazione Banco Alimentare onlus e Unione Nazionale Consumatori. Nel protocollo i soggetti firmatari si impegnano a:
•promuovere forme di sostegno a persone indigenti, attraverso il recupero e la donazione di prodotti non più commercializzabili ma ancora commestibili ad enti assistenziali e caritativi;
•promuovere la riduzione in proporzione dei quantitativi di rifiuti prodotti e, di conseguenza, i relativi costi economici, sociali ed ambientali di smaltimento degli stessi;
• a proporre, in relazione al punto precedente, meccanismi premiali (tra cui la riduzione della tariffa comunale sui rifiuti) a favore degli operatori economici che donano le proprie eccedenze, anziché destinarle a rifiuto; diffondere la cultura dell’importanza di ridurre lo spreco alimentare; comunicare e divulgare i risultati e le best practices che ne deriveranno.

Per questo chiediamo all’amministrazione di aderire al progetto e di avviare il prima possibile tutte quelle azioni necessarie per ridurre lo spreco alimentare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...