Guercini e Pieri: priorità alla riqualificazione del parco di Spedalino già dal 2015

Durante la seduta del Consiglio comunale del 10.11.2015 discutemmo di una interrogazione che aveva come oggetto la Manutenzione del Parco di Carabattole.

Durante la seduta del Consiglio comunale del 10.11.2015 discutemmo di una interrogazione che aveva come oggetto la Manutenzione del Parco di Carabattole – che con i suoi due ettari è il secondo per estensione nel comune di Agliana – poiché avevamo rilevato che versava in un evidente stato di abbandono ed incuria e che erano frequenti gli episodi di microcriminalità che si verificavano in quell’area.

Le questioni che sollevammo furono tre:

  • quali provvedimenti l’amministrazione intendeva adottare per ripristinare un’adeguata agibilità del parco;
  • se fosse prevista un’intensificazione dell’attività di controllo;
  • se fossero previsti interventi di riqualificazione per trasformarlo in un nuovo centro di aggregazione per la collettività.

In relazione al terzo punto, l’assessore Noligni rispose che il Parco in questione sarebbe potuto essere adatto per “la realizzazione di piccoli centri di aggregazione che potrebbero poi essere messi a bando” ma che per un’operazione del genere sarebbe stata necessaria una “conformità urbanistica, da conseguire tramite apposita variante”.

La consigliera Pieri replicò all’Assessore auspicando che tale strada venisse intrapresa, anche attraverso l’attivazione di processi partecipativi, al fine di trasformare il parco di Carabattole in un nuovo centro di aggregazione: tra le soluzioni da valutare quella “di fare un chiosco che potesse diventare un punto di presidio e al tempo stesso diventare un luogo per la promozioni di iniziative”.

Sono trascorsi 4 anni e le condizioni del Parco sono sotto gli occhi di tutti. Cosa ha fatto l’amministrazione per cercare di riqualificare tale area?

Sulla stampa locale, in questi giorni è uscito un articolo sul Parco di Spedalino e ci hanno sorpreso le dichiarazioni sia di Mangoni che del suo ex assessore, Massimo Vannuccini : il primo parla di “incentivare l’organizzazione di eventi sportivi e culturali” il secondo di “realizzare un chiosco, che rivitalizzerebbe il giardino nelle sere primaverili ed estive”.

Come possiamo ritenere credibili tali promesse, se in questi 4 anni non è stato fatto niente di tutto questo?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...